Google Home, lo smart speaker per tutti i giorni

Google Home, lo smart speaker per tutti i giorni

Google Home: l’eccellente altoparlante intelligente ora è più economico che mai

DEAL ALERT:  Lo smart speaker di Google Home al prezzo più basso di sempre, riducendo il costo da 99€ a 59€ su Unieuro. Anche Google Home Mini è stato scontato, che ha tagliato il suo prezzo da 39€ a 19 su Unieuro

La home page di Google è ora bilingue , il che significa proprietari Home page di Google possono ora assegnare loro casa due lingue e di interagire con Google Assistant. Non solo è eccellente per le famiglie che parlano più lingue, ma è anche ottimo per chiunque cresca bambini bilingui o multilingue in quanto possono interagire con la casa in qualunque lingua si senta a proprio agio nel parlare.

La notizia arriva mentre Google implementa altre 22 lingue su Home entro la fine di quest’anno. Puoi già interagire con la tua casa in inglese, olandese, francese, italiano, tedesco, giapponese e spagnolo, ma ora puoi aggiungere ancora più lingue del mondo se la tua lingua madre o seconda non era precedentemente supportata.

Recensione di Google Home:

Google Home è il futuro ma nel presente. La casa di domani sta rapidamente diventando la casa di oggi e grazie a dispositivi come Amazon Echo , le voci disincarnate di Google Home (e più recentemente Apple HomePod ) possono aiutarti a colmare il vuoto organizzativo nella tua vita. L’USP di Google Home ti sta aiutando a casa: è progettato per essere il fulcro della vita della tua famiglia, ti aiuta a rimanere al passo con quello che sta succedendo mentre rispondi anche a quelle domande su quell’attore in quel film che hai visto dieci anni fa.

L’assistente AI di Google è, in effetti, un altoparlante compatto, connesso a Internet, non più grande di un piccolo vaso. È progettato per essere discreto ed elegante – per fondersi con il tuo arredamento.

Google Home, d’altra parte, è più di un semplice altoparlante collegato con alcune funzionalità di ricerca e promemoria; è progettato da zero per essere il cuore pulsante della casa del futuro.

Google Home è il dispositivo per la generazione di Google

Amazon potrebbe avere milioni di utenti registrati ma rischierei di supporre che Google abbia molto, molto di più. Google Home è il dispositivo per chiunque abbia investito anche il più piccolo tempo nell’ecosistema di Google. Hai un account Gmail? Google Home è per te. Usi un telefono Android? Scommetti che otterrai qualcosa da Google Home. Che ne dici se usi Google Chrome, Drive, Documenti, Play Music o YouTube? Questo è sicuramente il dispositivo di cui hai bisogno a casa tua.

Vuoi sapere cosa stai succedendo durante il giorno, ma non vuoi sfogliare Google Calendar o controllare il tempo? Basta chiedere a Home “Raccontami della mia giornata” e trarrà tutti i tuoi appuntamenti da Gmail, Calendar e controllerà anche il tempo per te senza che tu debba chiedere separatamente. Ti stai chiedendo dove si sta svolgendo l’appuntamento del tuo calendario? Home ti dirà (supponendo che tu fossi organizzato abbastanza per inserire quelle informazioni in primo luogo) e ti darà una stima approssimativa di quanto tempo ci vorrà anche per arrivarci.

È così contestualmente consapevole (molto più di Amazon Echo) che a volte penserai che ci sia una sorta di inganno in quell’ornamento a forma di deodorante per ambienti.

Google Home non è solo buono con le persone, tuttavia, eccelle anche nel parlare con altri pezzi di tecnologia a casa tua. Controllare i dispositivi Chromecast è un gioco da ragazzi, che ti consente di trasmettere Netflix alla tua TV semplicemente dicendogli di trasmettere tutto ciò che desideri guardare. Tuttavia, dovrai avere Netflix installato sul tuo telefono, proprio come faresti se stessi trasmettendo scorrendo e toccando (come all’antica).

Poiché funziona tramite il telefono, che può rimanere in tasca o non toccato lateralmente per tutto il tempo in cui si utilizza Home, anche app come YouTube, NowTV e così via funzionano immediatamente.

Spotify è un sogno da utilizzare con Google Home. Dì semplicemente: “gioca a Daft Punk, Discovery” e Home lo accenderà e lo riprodurrà dal suo altoparlante o da qualsiasi altoparlante abilitato per Google Cast che desideri. Sfortunatamente, non sembra supportare le connessioni Bluetooth, quindi non è possibile inviare l’audio a questi tipi di altoparlanti.

Google Home alla fine sarà più amichevole per le app di terze parti rispetto ad Amazon Echo. Per ora, tuttavia, Home è in svantaggio in quanto non esiste ancora una scelta altrettanto ampia di integrazioni di terze parti disponibili. Ciò dovrebbe cambiare nel tempo, tuttavia, con gli sviluppatori in grado di produrre le proprie integrazioni tramite le azioni di conversazione e l’API di conversazione attualmente utilizzata per lo sviluppo di comandi per Google Assistant.

Google Home può anche connettersi a molti dispositivi IoT, il che significa che puoi farlo accendere e spegnere le luci o attenuarle con un semplice comando vocale o una frase prescritta. Hai un termostato Nest? Puoi impostarlo per alzare a una temperatura impostata e, se sei il tipo con un bollitore collegato a Internet, puoi farlo attaccare anche una birra per te, anche se dovrai riempirlo con acqua primo.

Durante una demo di ciò che Home è in grado di fare all’interno di una casa intelligente completamente connessa, ho sperimentato la possibilità di dire “Va bene Google, inizia la mia giornata” e chiedi a Home di accendere le luci, portare il termostato a 20 gradi più appetibile e iniziare il bollitore in ebollizione. Dicendo “Va bene Google, me ne vado ora” ho visto abbassare la temperatura di circa 15 gradi e spegnere tutte le luci e l’elettronica non indispensabile.

Non è del tutto perfetto, tuttavia, poiché ha avuto un paio di momenti incerti riconoscendo ciò che gli ho chiesto. Inoltre non è del tutto alla pari con la sua controparte statunitense con parti della funzionalità di casting di YouTube apparentemente assenti in Italia Chiedigli di riprodurre la playlist di YouTube “Guarda più tardi” e risponderà dicendo che è bloccato dietro il servizio YouTube Red a pagamento – qualcosa che ancora non abbiamo in Italia.

Le preoccupazioni sulla privacy di Google Home sono perfettamente valide – dopo tutto, chi vuole davvero un dispositivo sempre attivo che ascolti tutto ciò che dici nel caso in cui pronunci la frase “Okay Google”? Si scopre, tuttavia, che Google Home ascolta solo le cose a cui concedi effettivamente l’autorizzazione. Ciò significa che non salverà un record di chiacchiere inattive ma lo farà nel momento in cui sente un comando “Okay Google” – almeno è quello che dice Google.

Potresti essere preoccupato per la quantità di informazioni che Google detiene anche su di te, soprattutto perché Home guida davvero quel punto verso casa raccogliendo tutti i tuoi servizi abilitati per Google in un unico posto. Tuttavia, a meno che tu non gli abbia dato il permesso di accedere a Mi piace del tuo calendario, e-mail, file archiviati nel cloud e vari account durante l’installazione, Home non passerà ad altri aspetti della tua vita. Puoi anche disattivare l’audio del microfono in qualsiasi momento semplicemente toccando il pulsante sul retro del dispositivo.

Google Home si sente a casa a casa tua

In termini di estetica, Google ha perfettamente ragione con Home. È discreto, ma attraente e, a un occhio non allenato, non sembra affatto altamente tecnologico.

Ordinatamente, l’intera base della cosa scivola via e può essere cambiata per vari altri in modo che si adatti meglio al tuo arredamento, e la sezione superiore ha curve morbide e una parte superiore piatta inclinata per aggiungere un po ‘di vantaggio artistico ai procedimenti. È molto diverso dal robusto cilindro che è Amazon Echo sembra qualcosa da 2001: Odissea nello spazio , mentre la home page di Google è più Prometheus a sentire

Nella parte superiore del dispositivo troverai un pannello tattile capacitivo che utilizza input basati su gesti per un po ‘di controllo tattile. Traccia un cerchio in alto e puoi regolare il volume di riproduzione, con le luci a LED luminose di Home che si trasformano in un cerchio animato sotto il dito, mentre tocchi il pannello per riprodurre o mettere in pausa tutto ciò che stai suonando. Se non ti va di dire “Ok Google”, puoi tenere il dito in alto per attivarlo.

Anche la qualità audio di Google Home è dannatamente buona. Non è un surrogato per un sistema di altoparlanti Bluetooth di alta qualità, ma è abbastanza competente. È un po’ troppo basso e manca la definizione per raccogliere le sfumature più sottili di brani musicali più complessi, ma preferisco il modo in cui suona all’eco di Amazon.

Funzionalità future

Come con qualsiasi dispositivo intelligente, Google lo sta continuamente modificando e aggiornando le sue capacità. Alla conferenza degli sviluppatori di I / O di Google di quest’anno è emerso che una serie di nuove funzionalità sarebbe arrivata a Google Home il prossimo anno.

Queste nuove funzionalità includono chiamate in vivavoce per gli utenti negli Stati Uniti e in Canada, assistenza proattiva che aggiungerà avvisi per gli eventi imminenti – voli, riunioni e così via – quando le circostanze cambiano. E i proprietari di Google Home non avranno più bisogno di un account Premium Spotify per trasmettere in streaming i loro brani preferiti all’altoparlante. Ora saranno in grado di riprodurre musica in streaming anche dal servizio gratuito.

L’aggiornamento più intelligente a Google Home, tuttavia, si concentra sulle sue interazioni con Chromecast. Chiedi a Google Home di “mostrare il mio calendario”, ad esempio, o cerca su YouTube i video su ciò che hai in mente e ora sarà in grado di mostrare i risultati direttamente sullo schermo della tua TV.

Google Assistant, l’intelligenza artificiale che dà a Google Home i suoi poteri, ha avuto supporto per Netflix per qualche tempo, ma le sue funzionalità erano limitate. Fino ad ora, potevi accoppiare un solo account Netflix di una persona a un singolo dispositivo Google Home per trasmettere contenuti utilizzando un  Chromecast , il che significa che sarebbero facilmente visibili solo i loro programmi e i loro consigli. 

Come parte di un recente aggiornamento, Google ha aggiunto una funzione multi-account che significa che diverse persone possono ora collegare i loro account Netflix separati a una singola Google Home impostando  Voice Match. Google Home saprà quindi chi ci sta parlando e avvierà il relativo account Netflix tramite Chromecast. 

Ne vale la pena Google Home?

A parte una manciata di problemi di dentizione, Google Home è un aiuto straordinario per la tua casa e non posso raccomandarlo più in alto. Amazon Echo è una piccola patatina fritta rispetto sia al risultato tecnico che agli obiettivi elevati di Google Home. Home non è solo un’esperienza più corposa e completa sulla modellazione in corso di Amazon Echo. Sembra che abbia più di uno scopo.

Uno dei motivi per cui sono piuttosto affezionato a Home, a parte il fatto che è in grado di mantenere la mia vita molto più di quanto io possa fare io stesso, è che non è guidato dall’eCommerce. Amazon Echo potrebbe non sembrare che stia cercando di venderti prodotti, ma visto che alla fine si rifà ai servizi di Amazon e ti consente solo di acquistare beni attraverso Amazon, questo è il suo vero gioco finale. La casa, d’altra parte non è costruita attorno alla vendita di prodotti, è progettata per essere un dispositivo che ti aiuta ad arricchire la tua vita in qualche forma o forma.

Come probabilmente puoi dire dalla mia recensione, anche nel breve tempo che ho trascorso con Google Home, mi sono innamorato duramente dell’ultimo gadget di Google.  Google Home è un acquisto essenziale per chiunque utilizzi anche una parte dei servizi di Google, e questo sembra essere praticamente tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *